Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
12 Aprile 2013 Pubblicato da Marco Manferdini

Investire in Bitcoin? Pazza idea, ma...

 - Tags:  #bitcoin, #bolla speculativa, #Cipro

BitcoinTutti pazzi per Bitcoin? Sembrerebbe proprio di sì. Nelle ultime settimane il valore della moneta virtuale di cui ho parlato in diversi articoli è salito alle stelle: dai 30 dollari di inizio febbraio, nei giorni scorsi ha toccato quota 260$ per poi riassestarsi sui 150$.

Che cosa è successo nel frattempo? A quanto pare, la crisi di Cipro avrebbe scatenato la corsa degli investitori verso il bene elettronico, che ha due caratteristiche che lo rendono unico: non è in alcun modo tracciabile ed è indipendente da qualsiasi organizzazione governativa e quindi anche dal debito nazionale.

I Bitcoin, in altre parole, non potranno mai essere sottratti come il nostro denaro in banca o, come è già accaduto anche in tempi recenti, come l'oro. Inoltre, sono un bene scarso che rimarrà tale, la cui coniazione è regolata da regole molto rigide e non modificabili.

A questo punto, però, molte testate hanno messo in guardia dal rischio di una bolla speculativa che sta assumendo proporzioni notevoli, considerato anche che Bitcoin è nata come moneta di scambio e non come forma di investimento. Investire in Bitcoin è dunque un'operazione ad altissimo rischio, e le forti fluttuazioni del suo valore sarebbero un forte campanello d'allarme.

Meglio starne alla larga, quindi?

Come sempre, dipende. Un articolo su Business Insider dei giorni scorsi ha un titolo molto esplicativo e controcorrente: “Ecco perché gli speculatori in Bitcoin stanno ridendo in faccia a chi la chiama una bolla”. È interessante perché propone una lettura diametralmente opposta dell'idea di 'alto rischio' ed evidenzia la psicologia di chi opera investimenti di questo tipo:

Il massimo che può perdere se i Bitcoins andassero a zero è al 100% del vostro denaro. Il massimo che può fare, nel frattempo... Beh, non si sa esattamente quanto si può fare. Ma è probabilmente molto più del 100%. Coloro che hanno acquistato Bitcoins ai primi di marzo, per esempio, hanno fatto rendere i propri soldi di quasi il 600%.

Quindi? Ancora una volta, tutto dipende dal nostro obiettivo e da quale strategia vogliamo utilizzare per raggiungerlo. Se il nostro obiettivo prevede il realizzo di un forte margine nel breve tempo, si dovrà mettere in campo una strategia fortemente speculativa con alto rischio.

Se si fosse disposti a pagare il prezzo che questo tipo di rischio comporta (perdita del 100% del capitale investito per esempio), Bitcoin potrebbe andare bene. Quello che diventa complicato è "buttarsi" in un'operazione senza averne valutato il rapporto rischio/beneficio e senza aver capito se la strategia usata sia in linea con la strategia prevista per raggiungere il proprio obbiettivo.

In parole povere: sì, con Bitcoin si può guadagnare, ma solo se sappiamo bene quello che stiamo facendo!

Commenta il post

Oro, case o Bitcoin? Il parere di Mike Maloney (e il mio) | Il tuo Caveau 05/03/2013 18:20

[...] Come abbiamo visto nelle scorse settimane, il prelievo forzoso dai conti correnti di Cipro ha generato una corsa sfrenata all’acquisto di Bitcoin, corsa che come sappiamo è finita molto presto in una bolla scoppiata ad uso e consumo degli speculatori mordi e fuggi. [...]

Archivi

Sul blog

Investimenti, immobili, strategie di rendita per la tua libertà finanziaria e spunti per la tua educazione finanziaria: la conoscenza è il tuo caveau!