Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
18 Ottobre 2012 Pubblicato da Marco Manferdini

Ma tu, sai sfruttare i tuoi errori?

 - Tags:  #Brian Tracy, #errori, #formazione, #Ma tu, #Randy Pausch, #sai sfruttare i tuoi errori?

In un articolo come sempre pieno di spunti, Brian Tracy ci parla di un tema molto importante: come ci comportiamo quando commettiamo un errore?

Tutti sbagliamo, e chi agisce di più nella vita commette più errori. Le statistiche dicono che circa il 70% delle decisioni si rivelano poi errate. Com'è possibile allora che la società non si sia ancora disgregata, visto che nella gran parte dei casi le persone non fanno che sbalgiare?

La risposta, ci suggerisce Tracy, è che il problema non è commettere errori – cosa inevitabile – ma come noi affrontiamo l'errore stesso. Se la società, malgrado tutti i problemi odierni, rimane unita è perché ci sono persone che sanno affrontare gli errori nel modo corretto e sfruttarli anzi come leva per accrescere le proprie competenze e le proprie opportunità.

Si dice infatti: imparare dai propri errori. Già, ma ci vuole come sempre la giusta attitudine mentale!

Mantenersi positivi, sempre

Innanzitutto, occorre mantenere un atteggiamento positivo verso il mondo che ci circonda e anche verso noi stessi. Se vedi sempre il bicchiere mezzo vuoto, vedrai soprattutto i problemi e non le soluzioni. E, proprio come chi teme di infortunarsi a ogni passo o teme di contrarre malattie, alla fine ti farai male davvero. Se invece cerchi di trovare l'opportunità anche nella perdita – te ne ho già parlato! - potrai scoprire che l'errore, a volte, è semplicemente una porta per possibilità che non avevi previsto.

Un'occasione per imparare

In secondo luogo, devi allenarti a imparare dai tuoi errori, proprio come un atleta si allena a saltare gli ostacoli. Più ostacoli sarai in grado di affrontare, più la tua competenza sarà un vantaggio in più in un mondo sempre più competitivo e rapido. Se cadi ora, devi pensare che è un allenamento per la capacità di rialzarti – e probabilmente di cadere meno in futuro. Ricorda il famoso detto: tutto ciò che non mi uccide mi rende più forte!

Sai ammettere l'errore? È fondamentale!

Ma qui Tracy evidenzia un altro limite mentale da superare: la difficoltà ad ammettere l'errore. Questa difficoltà – che spesso si trasforma in rifiuto – può condurre a conseguenze deleterie. Se hai fatto un scelta sbagliata e non lo ammetti con te stesso, continuerai per una strada che non può portarti a nulla di buono. E così accrescerai ogni giorno il danno e diventerà sempre più difficile cambiare strada. Se invece sei rapido, oltre che a sbagliare, anche ad ammettere l'evidenza e a uscire dall'errore, limiterai i danni e sarai sempre più flessibile di fronte all'imprevedibilità della vita.

Molte persone, ad esempio, non scelgono vie che le renderebbero finanziariamente liberi, semplicemente perché ciò significherebbe ammettere che hanno sbagliato per molti anni, e in alcuni casi per gran parte della loro vita. Ma se invece di pensare all'errore commesso, pensi a tutta l'esperienza accumulata, capirai che cambiare rotta è proprio l'occasione per metterla in pratica!

Conclusione: più che errori, sono risultati

Nella mia vita ho avuto un paio di esperienze di lavoro molto esaltanti che per mia inesperienza ho fatto tragicamente fallire. Li avevo sempre interpretati come fallimenti, come sconfitte. Ho attreversato periodi di grande sconforto dove ogni giorno mi chiedevo se fossi stato mai all'altezza di combinare qualcosa di positivo.

E' stato un brutto periodo, vedevo tutto nero, sembrava che tutto il mondo fosse contro di me. Ma poi ho capito che non dovevo considerarli fallimenti, ma risultati. Esatto, risultati. Risultati delle mie azioni, delle mie convinzioni e del mio modo di vedere le cose. Ho cominciato a vedere le cose in un'ottica diversa, a fare cose diverse e ho cominciato ad avere risultati diversi.

Randy Pausch nella sua "ultima lezione" ci dà un'altra fantastica lezione: Non importa quante volte cadi, ma la velocità con cui ti rialzi! Se non lo avessi ancora fatto guardati la sua fantastica  "ultima lezione", imparerai a dare il giusto peso ai problemi e a trarre perfino un vantaggio dalla tua stessa morte.

Commenta il post

Francesco d'Angella 10/18/2012 16:32

Un messaggio bellissimo!!!
Non ci sono parole da aggiungere.

Archivi

Sul blog

Investimenti, immobili, strategie di rendita per la tua libertà finanziaria e spunti per la tua educazione finanziaria: la conoscenza è il tuo caveau!